Federico Frigeri

federico_frigeriNato a Foligno, il 12/12/1985
Laurea magistrale in Antropologia culturale ed Etnologia

Con il giornalismo non è stato amore a prima vista: da bambino volevo fare lo scrittore, raccontare storie. Avvicinarmi al cuore degli uomini in punta di penna: per questo già alle scuole medie divoravo libri di narrativa e scrivevo i primi racconti. Amavo la poesia visionaria di Montale, le descrizioni asciutte di Hemingway e i viaggi mirabolanti di Kapuscinsky, ma non sapevo che fossero (anche) dei grandi giornalisti.

Quando ho scelto di studiare antropologia all’università, ho imparato che ogni relazione nasce dalla comprensione delle persone e dei fatti che ci hanno preceduto, quindi dall’intreccio delle diversità culturali. Queste due dimensioni sono alla base del nostro mestiere. Eppure, una volta terminati gli studi, la vita mi ha portato in Francia: meditavo di fare il dottorato di ricerca a Nizza.

Per fortuna sono tornato sui miei passi: dal ritorno in umbria, una nuova vita e in poco tempo ho maturato la decisione. Una breve esperienza al Giornale dell’Umbria, prima di (ri)partire alla volta di Edimburgo, per perfezionare l’inglese. Quando ho provato il concorso qui a Perugia avevo una determinazione sconosciuta: il sogno dell’infanzia resta, ma questa è la mia strada.

> I miei servizi audio e video, i miei articoli per il periodico e per il webmagazione