Gabriele D’Angelo

Gabriele D'AngeloNato a Pietrasanta (Lu) il 28/12/1993
Laureato in Scienze politiche, indirizzo “studi in comunicazione”, presso l’Università degli studi di Firenze
Parla italiano, inglese e spagnolo.

Tutto comincia più o meno cinque anni fa, quando frequentavo la quinta al liceo scientifico “Barsanti & Matteucci” di Viareggio. Quella mattina dovevamo correggere il tema, e la professoressa Sacchetti, come sempre, avrebbe fatto leggere ad alta voce quello che a suo dire era stato il miglior lavoro della classe.

Con mia grande sorpresa fu fatto il mio nome, e così mi ritrovai a balbettare ai compagni le mie teorie in forma scritta sull’assenza di poesia nella nostra società.

Ricordo ancora quel momento: le mani tremavano sotto il peso del foglio protocollo, così come la voce, molto diversa da quella naturale. Era come se a leggere fosse un’altra persona, come se una parte di me stesse prendendo il sopravvento su tutto il resto. Alla fine della lettura, inaspettatatamente, ci fu un applauso.

Al di là della piccola e ridicola soddisfazione personale, le sensazioni che provai durante quell’ora di italiano sono le stesse che ancora oggi mi convincono di aver scelto la strada giusta. E sono anche le stesse che hanno accompagnato ogni successiva tappa del mio percorso: partendo da quel piccolo liceo viareggino; passando per Firenze, per la facoltà di scienze politiche, per quell’appartamento in via Taddea 2 dove ho lasciato e conosciuto una parte del mio cuore; fino ad arrivare qui, in una delle scuole di giornalismo più prestigiose d’Italia.

Oltre alle parole scritte ci sono altre due o tre cose che mi rendono felice: Silvia, il tennis e le canzoni dei Baustelle. Rigorosamente in ordine di emozioni regalate.