Alessia Marzi

alessia_marzi
Nata a L’Aquila il 29 ottobre 1990
Laurea in Scienze della Comunicazione presso la Luiss Guido Carli di Roma

Sono nata 23 anni fa a L’Aquila. Da bambina mio padre mi leggeva l’Odissea prima di andare a dormire, forse già allora cominciavo a maturare l’idea del viaggio come filosofia permanente della mia vita.
Della mia infanzia ricordo il profumo di neve, il cielo limpido, una nonna che mi ha insegnato a tornare a casa da sola e tanti, tanti libri. Sfogliandoli ho imparato a viaggiare, ma mancava sempre qualcosa.

Scrutare, vedere, annusare in prima persona. Forse è proprio così che è nata questa passione. Se vivere le vite degli altri e poterle raccontare con le loro voci è giornalismo, allora si, ho sempre voluto fare la giornalista.
Appena finito il liceo classico mi sono trasferita a Roma per l’università. Nel 2009 sono “fuggita” da una città che mi stava troppo stretta, da una città che è ancora fatta di polvere. Tre anni per la laurea in scienze della comunicazione alla Luiss, 7 mesi a Madrid per l’erasmus.

Dopo una tesi in semiotica sul terrorismo basco, la mia strada era una specialistica a Bologna, proprio in semiotica. I test per la scuola dovevano solo essere un gioco, una sfida con me stessa.
Questi mesi mi hanno arricchito professionalmente, mi hanno aperto caleidoscopici punti di vista, ma soprattutto mi hanno fatto crescere come essere umano.

Non ho idea di cosa mi riservi il futuro, vivo quest’incognita come se fosse una ricchezza. Ma di quali siano i miei desideri, di quelli sono sicura. Vorrei diventare una reporter di guerra, raccontare i conflitti del mondo. Per qualcuno questa è una figura professionale ormai in estinzione. Ma forse ci sarà sempre spazio per le belle storie, e per chi le racconta con spirito di servizio.

“Per fare un prato occorrono un trifoglio ed un’ape,
Un trifoglio ed un’ape
E il sogno.
Il sogno può bastare
Se le api sono poche”.
Emily Dickinson

> I miei servizi audio e video, i miei articoli per il periodico e per il webmagazione